fbpx

Dedalo Invest

Riprendi il controllo delle tue finanze. Scopri gli investimenti finanziari in fondi ed ETF

PRESENTAZIONE

Scarica i nostri ebook.

Gratis.

image
rate costanti

PAC Cost
Averaging

Il Cost Averaging (CA) è una strategia di investimento molto utilizzata dagli investitori da oltre 70 anni. Ancora oggi è al centro dell'attenzione degli studiosi di finanza e del mondo accademico, che su di esso continuano ad esprimere giudizi molto contrastanti.
Continua a leggere...
image
rate variabili

PAC Value
Averaging

Sono stati scritti pochissimi libri sul Value Averaging e, al di là delle solite descrizioni sommarie, in rete non si trovano molte informazioni al riguardo, neppure in lingua inglese. Molte implicazioni di questa strategia di investimento sono quasi sconosciute.
Continua a leggere...

Dedalo Invest si rivolge a consulenti finanziari e ad investitori interessati ad approfondire le proprie conoscenze di finanza personale

Esplora gli articoli di approfondimento: PAC Cost Averaging e Value Averaging, Misure di rendimento e di rischio, Asset Allocation e Teoria Moderna del Portafoglio, CAPM, Portafogli Modello, Lazy Portfolios, Psicologia della finanza e molti altri.

Non perdere altro tempo. INIZIA ORA.

Fondi e SICAV
ETF
Indici di Borsa
Portafogli Modello

Teoria Moderna del Portafoglio: la nascita dell'Asset Allocation

L'Asset Allocation è un concetto che si sviluppa a partire dal lavoro di Harry Markowitz, che nel suo articolo del 1952 intitolato Portfolio Selection, getta le basi per quella che verrà definita la Teoria Moderna del Portafoglio. Markowitz è il primo studioso a formalizzare...
Continua a leggere

Miglior investimento attuale

Non è facile rispondere alla domanda sul miglior investimento attuale. Innanzitutto perché il quesito è piuttosto vago: quali sono i prodotti finanziari da prendere in considerazione? Miglior investimento su quale orizzonte temporale? In base a quale parametro?
Continua a leggere

Portafogli Modello

I portafogli modello disponibili su Dedalo Invest sono l’espressione di una strategia multiperiodale del portafoglio che utilizza la Cluster Analysis per la selezione dei fondi e sfrutta alcuni modelli statistici, tra i quali anche i GARCH multivariati, per l’ottimizzazione vera e propria di ciascun portafoglio...
Continua a leggere

Capital Asset Pricing Model (CAPM)

La maggiore difficoltà della Teoria Moderna del Portafoglio consiste nel dover conoscere i rendimenti, le volatilità e le correlazioni attese dei prodotti finanziari su cui si investe per poter determinare il portafoglio efficiente. Il CAPM permette di evitare le stime di queste quantità ed identifica il portafoglio efficiente con quello di mercato, ovvero…
Continua a leggere

Modelli GARCH univariati e multivariati

Le serie storiche economiche e, in particolare, quelle dei rendimenti di prodotti finanziari, mostrano spesso periodi con alta o bassa concentrazione di volatilità. Per queste tipologie di serie storiche una volatilità che cambia nel tempo è molto più frequente di una volatilità costante...
Continua a leggere

Psicologia e Finanza: perché uno psicologo vince il Premio Nobel per l'Economia?

Il sito del Premio Nobel cita: il premio Sveriges Riksbank nelle Scienze Economiche in Memoria di Alfred Nobel 2002 viene equamente diviso tra Daniel Kahneman per aver integrato scoperte derivanti dalla ricerca psicologica con le scienze economiche, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza…
Continua a leggere

Lazy Portfolios, Fondi Total Return e Portafogli Modello

I Lazy portfolios sono portafogli costituiti da un piccolo numero di fondi low-cost. In italiano vengono definiti Portafogli pigri ed il loro nome prende spunto dall'essere concepiti come strumenti di investimento a lungo termine, con pochi ribilanciamenti (di solito non più di una volta all'anno)...
Continua a leggere

Strategie di investimento: domande frequenti (FAQ)

Quale strategia viene solitamente consigliata? In un'ottica di investimento la strategia generalmente consigliata è il…
Continua a leggere

Value Averaging: investire senza temere una crisi finanziaria

Il Value Averaging (VA) è una strategia di investimento sviluppatasi verso la fine degli anni ’80 del secolo scorso ed è, ancora oggi, al centro di opinioni contrastanti...
Continua a leggere

Piano di Accumulo del Capitale (PAC)

Il PAC, ovvero Piano di Accumulo del Capitale, è una modalità di investimento che consente di acquistare quote di un prodotto finanziario (solitamente Fondi Comuni, Sicav ed ETF) rateizzando il capitale e permettendo una pianificazione dell’investimento nel tempo...
Continua a leggere

Il compendio dell'investitore

Gli investimenti finanziari sono una materia molto complessa e coinvolgono importanti discipline come l'economia, la statistica e la psicologia. Un investimento non potrebbe essere tale senza un certo grado di incertezza associato ai suoi possibili ritorni finanziari. Spesso però l'incertezza è ancora maggiore…
Continua a leggere
Come riuscire a gestire il panic selling?

Come riuscire a gestire il panic selling?


04Gen2021

Information
Andrea Blog 1015 hits
Prima pubblicazione: 03 Gennaio 2021

«Panic is highly contagious, especially in situations when nothing is known and everything is in flux».

Stephen King

Riuscire a gestire il panic selling è impossibile.

Il perché ce lo spiega il vocabolario Treccani, che definisce il panico nel modo seguente (il grassetto è mio):

Senso di forte ansia e paura che un individuo può provare di fronte a un pericolo inaspettato, e che determina uno stato di confusione ideomotoria, caratterizzata per lo più da comportamenti irrazionali: farsi prendere, lasciarsi vincere dal panico. In particolari situazioni, tale reazione può diffondersi rapidamente tra più individui di una folla, dando luogo a fenomeni di panico collettivo: la folla è fuggita in preda al p.; lo scoppio improvviso ha suscitato il p. del pubblico. Anche, psicosi collettiva provocata dal diffondersi di notizie allarmanti: il crollo delle azioni ha fatto nascere il p. nell’ambiente della borsa; le notizie sull’epidemia hanno diffuso il p. nella popolazione.

Non a caso, tra gli esempi di panico viene citato anche quello borsistico.

Come resistere, quindi, alle vendite irrazionali originate dal panico?

Non si può. Quando un investitore è in preda al panico, ormai è troppo tardi.

Il vocabolario Treccani ci spiega infatti che il panico determina uno stato di confusione ideomotoria, caratterizzata per lo più da comportamenti irrazionali.

Se, come me, non sapete che cosa significa "ideomotoria", potete dare un'occhiata a Wikipedia e scoprire che (il grassetto è mio):

L'effetto ideomotorio è una reazione inconscia generata dalla mente che produce un effetto meccanico sul corpo, e serve a dimostrare scientificamente fenomeni medianici apparentemente inspiegabili. Il termine ideomotorio infatti si compone di due significati: il primo è “idea” o di “relativo all'idea”, il secondo "motorio", riguarda la trasmissione del moto. Ideomotorio si riferisce quindi a un'idea che genera movimento, movimento generato da un'idea. In ipnosi è il processo con cui un pensiero o un'immagine mentale generano movimenti involontari, al di fuori della coscienza del soggetto.
….

L'effetto ideomotorio è incoscio, e produce un effetto meccanico sul corpo. In altre parole, non si può controllare razionalmente l'azione generata dal panico.

In ambito borsistico, se siete vittime del panic selling, non potrete far altro che aprire la vostra piattaforma online e cliccare sul tasto "Vendi", oppure telefonare all'help desk o andare in banca e per impartire l'ordine di vendita all'operatore dell'ufficio titoli.

Quando il panico vi prende, è troppo tardi per controllare le azioni successive.

Nel panic selling, l'unico modo di evitare il selling è non entrare in panic.

Come fare, allora, per non farsi prendere dal panico?

Preparandosi adeguatamente a fronteggiare una crisi finanziaria. Conoscendo con precisione, prima ancora di acquistare uno strumento finanziario, i rischi a cui si va incontro.

Essendo consapevoli che affrontare una crisi azionaria è la normalità, quando si investe nei mercati azionari. Se l'investimento è di lungo termine, sapendo già in partenza che di grosse crisi finanziarie se ne dovranno affrontare almeno due o tre, o forse di più.

Si riesce ad evitare il panic selling investendo quindi con la consapevolezza che non è in discussione se una crisi finanziaria si verificherà, ma quando e, semmai, quante volte si verificherà.

Investendo anche con l'umiltà di riconoscere che non saremo assolutamente in grado di prevedere né quando, né quante volte una crisi finanziaria si verificherà nel corso del nostro investimento.

In base alla strategia di investimento utilizzata, prepararsi significa conoscere in anticipo le conseguenze dell'inevitabile tempesta che prima o poi arriverà:

  • Se si sta costruendo un PAC (acquisti periodici della stessa entità), sapendo che una crisi è il momento buono per acquistare a prezzi di saldo, o magari effettuare versamenti aggiuntivi
  • Se si sta investendo in un PIC (il PIC è un investimento in un'unica soluzione), sapendo che il proprio investimento sarà stravolto in termini di rendimento per un periodo più o meno lungo, con perdite anche del 30, 40, 50% o più (sulla parte azionaria). Sapendo però che, una volta passata la tempesta, il sereno rompe là da ponente e ogni cor si rallegra, come scriveva Giacomo Leopardi: il mercato azionario tornerà a salire, come accaduto negli ultimi due secoli, recuperando il terreno perso e continuando nel suo cammino verso nuovi massimi (almeno in assenza di cambiamenti strutturali, ad oggi imprevedibili)

Se tutto ciò non lo si conosce o non lo si è digerito bene, il panico arriverà. E le vendite irrazionali pure.

L'investimento finanziario ne risentirà gravemente nel lungo termine, perché una volta usciti dal mercato a causa del panic selling, rientrarci sarà molto difficile: spesso non accade e, quando accade, il recupero dei mercati sarà già ampiamente in corso, e lo si sarà perso tutto o in gran parte.

La finanza comportamentale è una parte fondamentale della finanza personale. Se, nonostante tutto, l'investitore non si sente tranquillo e prova un continuo disagio in relazione al proprio portafoglio finanziario, significa che l'investimento in essere non è adatto alla sua propensione al rischio:

  • Il rischio è troppo elevato
  • La somma investita è troppo alta

Spesso le due cose vanno di pari passo. In questi casi la scelta a monte non è stata delle più felici ed è difficile dare un consiglio generico sul da farsi; non esiste una soluzione univoca ed ogni portafoglio dovrà essere valutato singolarmente.

Quasi sicuramente, almeno uno di questi due elementi dovrà essere modificato.

BASIC

Gratuito

0 00
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: con limitazioni
  • Portafogli Modello: nessuno
  • Portafogli Personali: 1
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: presente
  • -
-70%

PRO MENSILE

€ 49,90 Mese

14 99 Mese
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente
-70%

PRO ANNUALE

€ 490,00 Anno

149 90 Anno
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente

Disclaimer

Tutti i tipi di investimento sono rischiosi. Il livello di rischio può essere più o meno alto e i rendimenti possono variare al rialzo o al ribasso. Ogni investimento è soggetto al rischio di perdita.
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.