fbpx

Dedalo Invest

Riprendi il controllo delle tue finanze. Scopri gli investimenti finanziari in fondi ed ETF

PRESENTAZIONE

Scarica i nostri ebook.

Gratis.

image
rate costanti

PAC Cost
Averaging

Il Cost Averaging (CA) è una strategia di investimento molto utilizzata dagli investitori da oltre 70 anni. Ancora oggi è al centro dell'attenzione degli studiosi di finanza e del mondo accademico, che su di esso continuano ad esprimere giudizi molto contrastanti.
Continua a leggere...
image
rate variabili

PAC Value
Averaging

Sono stati scritti pochissimi libri sul Value Averaging e, al di là delle solite descrizioni sommarie, in rete non si trovano molte informazioni al riguardo, neppure in lingua inglese. Molte implicazioni di questa strategia di investimento sono quasi sconosciute.
Continua a leggere...

Dedalo Invest si rivolge a consulenti finanziari e ad investitori interessati ad approfondire le proprie conoscenze di finanza personale

Esplora gli articoli di approfondimento: PAC Cost Averaging e Value Averaging, Misure di rendimento e di rischio, Asset Allocation e Teoria Moderna del Portafoglio, CAPM, Portafogli Modello, Lazy Portfolios, Psicologia della finanza e molti altri.

Non perdere altro tempo. INIZIA ORA.

Fondi e SICAV
ETF
Indici di Borsa
Portafogli Modello

Psicologia e Finanza: perché uno psicologo vince il Premio Nobel per l'Economia?

Il sito del Premio Nobel cita: il premio Sveriges Riksbank nelle Scienze Economiche in Memoria di Alfred Nobel 2002 viene equamente diviso tra Daniel Kahneman per aver integrato scoperte derivanti dalla ricerca psicologica con le scienze economiche, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d'incertezza…
Continua a leggere

Miglior investimento attuale

Non è facile rispondere alla domanda sul miglior investimento attuale. Innanzitutto perché il quesito è piuttosto vago: quali sono i prodotti finanziari da prendere in considerazione? Miglior investimento su quale orizzonte temporale? In base a quale parametro?
Continua a leggere

Strategie di investimento: domande frequenti (FAQ)

Quale strategia viene solitamente consigliata? In un'ottica di investimento la strategia generalmente consigliata è il…
Continua a leggere

Value Averaging: investire senza temere una crisi finanziaria

Il Value Averaging (VA) è una strategia di investimento sviluppatasi verso la fine degli anni ’80 del secolo scorso ed è, ancora oggi, al centro di opinioni contrastanti...
Continua a leggere

Modelli GARCH univariati e multivariati

Le serie storiche economiche e, in particolare, quelle dei rendimenti di prodotti finanziari, mostrano spesso periodi con alta o bassa concentrazione di volatilità. Per queste tipologie di serie storiche una volatilità che cambia nel tempo è molto più frequente di una volatilità costante...
Continua a leggere

Teoria Moderna del Portafoglio: la nascita dell'Asset Allocation

L'Asset Allocation è un concetto che si sviluppa a partire dal lavoro di Harry Markowitz, che nel suo articolo del 1952 intitolato Portfolio Selection, getta le basi per quella che verrà definita la Teoria Moderna del Portafoglio. Markowitz è il primo studioso a formalizzare...
Continua a leggere

Il compendio dell'investitore

Gli investimenti finanziari sono una materia molto complessa e coinvolgono importanti discipline come l'economia, la statistica e la psicologia. Un investimento non potrebbe essere tale senza un certo grado di incertezza associato ai suoi possibili ritorni finanziari. Spesso però l'incertezza è ancora maggiore…
Continua a leggere

Lazy Portfolios, Fondi Total Return e Portafogli Modello

I Lazy portfolios sono portafogli costituiti da un piccolo numero di fondi low-cost. In italiano vengono definiti Portafogli pigri ed il loro nome prende spunto dall'essere concepiti come strumenti di investimento a lungo termine, con pochi ribilanciamenti (di solito non più di una volta all'anno)...
Continua a leggere

Piano di Accumulo del Capitale (PAC)

Il PAC, ovvero Piano di Accumulo del Capitale, è una modalità di investimento che consente di acquistare quote di un prodotto finanziario (solitamente Fondi Comuni, Sicav ed ETF) rateizzando il capitale e permettendo una pianificazione dell’investimento nel tempo...
Continua a leggere

Capital Asset Pricing Model (CAPM)

La maggiore difficoltà della Teoria Moderna del Portafoglio consiste nel dover conoscere i rendimenti, le volatilità e le correlazioni attese dei prodotti finanziari su cui si investe per poter determinare il portafoglio efficiente. Il CAPM permette di evitare le stime di queste quantità ed identifica il portafoglio efficiente con quello di mercato, ovvero…
Continua a leggere

Portafogli Modello

I portafogli modello disponibili su Dedalo Invest sono l’espressione di una strategia multiperiodale del portafoglio che utilizza la Cluster Analysis per la selezione dei fondi e sfrutta alcuni modelli statistici, tra i quali anche i GARCH multivariati, per l’ottimizzazione vera e propria di ciascun portafoglio...
Continua a leggere
Cosa posso fare se sbaglio il timing d'ingresso?

Cosa posso fare se sbaglio il timing d'ingresso?


01Gen2021

Information
Andrea Blog 1199 hits
Prima pubblicazione: 14 Novembre 2020

«If not me, who? And if not now, when?»

Mikhail Gorbachev

Cosa succede se quando mi decido a investire, lo faccio proprio sui massimi di mercato? Cosa posso fare se sbaglio in pieno il timing d'ingresso?

Ogni investitore si è posto queste domande almeno una volta. La paura è sempre la solita: prendere posizione sul mercato e vedere il prezzo dei titoli appena acquistati che inizia a scendere.

È la paura di tutti coloro che operano sui mercati: dell'investitore di lungo termine, ma anche del trader dall'orizzonte temporale brevissimo (a meno che non abbia aperto una posizione short).

Dato che il trend di lungo termine dei mercati azionari negli ultimi due secoli è stato crescente, i mercati si trovano spesso intorno ai massimi; i valori minimi, teoricamente ideali per acquistare, si vedono invece raramente.

In entrambe le fasi, la finanza comportamentale entra prepotentemente in gioco: quando una crisi fa crollare i prezzi, il panico prende il sopravvento.

Quando i mercati sono intorno ai massimi, invece, il blocco psicologico che impedisce di investire è quello che abbiamo accennato in precedenza.

È corretto aspettare momenti migliori per entrare sul mercato? Teoricamente sì, ma in pratica un investitore di lungo termine non dovrebbe attendere troppo per le seguenti ragioni:

  • L'eventuale crisi finanziaria farà scendere i prezzi dei titoli azionari, ma aumenterà in modo più che proporzionale la paura di acquistarli
  • Le crisi finanziarie più importanti non si verificano spesso (fortunatamente). Negli ultimi 20 anni ci sono state 3 crisi di portata mondiale: la dotcom, tra il 2000 e il 2003, la crisi dei subprime tra il 2007 e il 2009 e la pandemia di COVID-19 nel 2020. Negli anni rimanenti, i mercati hanno seguito un trend di forte crescita

Concentrandoci sul secondo punto, è anche vero che non è detto che il futuro si ripresenti con le stesse dinamiche. Tutto potrebbe cambiare, a eccezione della paura – che spesso si trasforma in panico – degli investitori durante i crolli del mercato.

Per un investitore con un orizzonte temporale di lungo periodo, acquistare sui massimi non è la fine del mondo. Non è neppure la cosa migliore, ma accade spesso, più spesso di quello che si possa pensare.

Il mercato azionario ha segnato nel tempo molti nuovi massimi ed è sempre stato in grado di superarli con una certa frequenza. I nuovi massimi non sono l'eccezione: sono la normalità.

A riprova di quanto detto, analizziamo il seguente grafico:

Massimi mercato 2

Fonte: Compelling Wealth Management Conversations, Invesco

Lo S&P 500, il principale indice azionario statunitense, ha realizzato 1084 nuovi massimi tra il 1957 e il 2019.

Questi valori sono rappresentati dalle linee verticali blu, che ne misurano l'altezza: ogni nuovo picco, rappresentato nel grafico da una montagna, è stato superato per ben 1084 volte da uno ancora più alto.

Non c'è modo di sapere in anticipo quanto tempo debba trascorrere tra un picco e il successivo: si può osservare che il periodo medio è relativamente breve, seppur con delle eccezioni importanti: 8 anni tra il 1972 e il 1980; 7 anni nel periodo 2000-2007; i 6 anni tra il 2007 e il 2013.

La storia ci dimostra, comunque, che i nuovi massimi si verificano con una certa frequenza, anche se ogni tanto servono diversi anni di attesa prima di rivederli. 

Questi ultimi casi, comunque, non avrebbero causato dei rendimenti negativi per gli investitori di lungo termine, almeno per la parte dei loro portafogli dedicata allo S&P 500. A condizione, ovviamente, che l'investimento non sia stato liquidato anticipatamente – in preda al panico – durante una crisi finanziaria.

Se si va ancora più indietro nel tempo, si scoprirà che quando ci fu la tremenda crisi del '29, conosciuta anche come la Grande depressione, servirono molti anni in più prima di tornare ai livelli del settembre 1929: circa 25 anni in base all'analisi dell'indice Dow Jones.

Stiamo comunque parlando della più grave finanziaria del XX secolo che fu, tra l'altro, seguita a pochi anni di distanza dalla Seconda Guerra Mondiale.

Tuttavia, un'indagine condotta da Mark Hulbert e pubblicata sul New York Times nel 2009, ritiene che in termini reali il picco successivo a quello del 1929 si sarebbe verificato non più tardi della fine del 1936.

Da cosa può derivare questa enorme differenza? Da tre fattori, quasi sempre ignorati dagli analisti: la deflazione, i dividendi e la distinzione tra l'indice Dow Jones Industrial Average e il mercato azionario americano.

7 anni, quindi, invece dei canonici 25 che vengono quasi sempre indicati come il tempo di recupero necessario per gli investitori che avessero avuto la sfortuna di scegliere uno dei peggiori timing d'ingresso nella storia. Una differenza notevole.

Investire in prossimità dei massimi di mercato è la normalità e non l'eccezione. L'attesa non premia, perché i mercati potrebbero, nel frattempo, continuare la loro corsa. Se così non fosse e si verificasse una grossa crisi finanziaria, l'entrata sul mercato sarebbe comunque improbabile a causa del clima di panico che, in quei frangenti, bloccherebbe anche molti degli investitori più esperti.

L'unico motivo per cui un'eventuale attesa è positiva (e necessaria) non è ricollegabile alla speranza di investire in prossimità di un minimo assoluto: stiamo invece parlando del tempo per capire, il tempo necessario a comprendere l'investimento nei minimi particolari.

Se, nonostante tutto, l'investimento in un'unica soluzione fosse ancora considerato come troppo rischioso, un'ottima alternativa sarebbe quella di diversificarlo temporalmente.

Il modo migliore di farlo è per mezzo di un Piano di Accumulo del Capitale (PAC) a rate costanti o Value Averaging.

L'ingresso dilazionato nel tempo, seppure meno efficiente in termini di rendimento, allevia lo stress psicologico associato al mettere in gioco tutto il capitale fin dall'inizio, e aiuta ad attraversare le fasi più difficili con relatività tranquillità e con la consapevolezza che i prezzi più bassi permettono di acquistare un numero di quote maggiore (a parità di somma investita).

L'ingresso perfetto è il sogno di ogni investitore ma, per un motivo o per un altro è quasi impossibile da realizzare.

Soltanto a posteriori potrà essere dato un giudizio di valore sul timing d'ingresso, cosicché – per quanto difficile – l'investitore con un orizzonte temporale di lungo termine dovrebbe agire subito dopo aver terminato il lavoro di preparazione, che comprende – tra le altre cose – la definizione della strategia di investimento, della tipologia di portafoglio in funzione della propensione al rischio e la comprensione approfondita dello strumento finanziario utilizzato.

BASIC

Gratuito

0 00
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: con limitazioni
  • Portafogli Modello: nessuno
  • Portafogli Personali: 1
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: presente
  • -
-70%

PRO MENSILE

€ 49,90 Mese

14 99 Mese
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente
-70%

PRO ANNUALE

€ 490,00 Anno

149 90 Anno
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente

Disclaimer

Tutti i tipi di investimento sono rischiosi. Il livello di rischio può essere più o meno alto e i rendimenti possono variare al rialzo o al ribasso. Ogni investimento è soggetto al rischio di perdita.
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.