fbpx
Qual è un consiglio finanziario che nessuno segue?

Qual è il consiglio finanziario che nessuno segue?


01Gen2021

Information
Andrea Blog 1481 hits
Prima pubblicazione: 25 Ottobre 2020

«The stock market is designed to transfer money from the active to the patient».

Warren Buffett

Il consiglio finanziario che nessuno segue?

Investire con un orizzonte temporale di lungo o lunghissimo periodo, senza fare market timing.

Dire che nessuno lo segue è eccessivo: alcuni investitori, ovviamente, adottano una strategia di investimento con un orizzonte temporale di lungo o lunghissimo periodo. E, soprattutto, riescono a seguirla fino in fondo. Ma sono una piccola percentuale.

Non tanto perché l'orizzonte temporale di lungo periodo sia impraticabile per gli investitori: molti partono con questa idea, ma poi cambiano i piani in corsa (o per loro volontà, magari spaventati da una crisi finanziaria in corso, o dietro la spinta dei loro consulenti).

In ogni caso, è sicuramente uno dei consigli finanziari meno seguiti, soprattutto per quanto riguarda il non fare market timing.

Tutti capiscono facilmente che i mercati azionari hanno dei rendimenti attesi superiori a quelli dei mercati obbligazionari nel lungo termine. Ma moltissimi investitori si chiedono perché dovrebbero stare a guardare i mercati mentre crollano, senza far niente. Chi non ha mai pensato che l'ultima crisi poteva essere tranquillamente evitata? Bastava uscire dal mercato appena c'erano i primi segni di un crollo imminente e rientrarci dopo un po', ricomprando lo stesso portafoglio a prezzi molto più bassi.

Bastava fare questo, bastava fare quello... Purtroppo non è così facile: tutto ciò che a posteriori sembra ovvio, scontato, inevitabile, subito prima che accada non lo è affatto. 

Questo atteggiamento è l'espressione di un bias cognitivo detto hindsight bias: il bias del senno di poi. Il nostro giudizio retrospettivo è sbagliato: crediamo di aver saputo prevedere un evento correttamente - una crisi finanziaria in questo caso - soltanto quando esso è ormai noto.

"Era ovvio che ci sarebbe stato un crollo, lo sapevo!". No, il crollo non era ovvio prima che avvenisse e, mi dispiace dirtelo, prima dell'evento non sapevi proprio niente. La prova sta nel fatto che non hai venduto i titoli nel tuo portafoglio subito prima, e non li hai ricomprati subito dopo.

Del senno di poi son piene le fosse è un proverbio che dovremmo sempre tenere a mente.

Le cose che rimangono indigeste a moltissimi investitori sono le seguenti:

  • Non si devono comprare azioni di singole o poche società ma tutto o una grossa fetta del mercato azionario, attraverso prodotti diversificati ed economici come i fondi a gestione passiva (ETF)
  • Non si deve fare market timing con l'ambizione di essere sul mercato soltanto quando i mercati crescono: non si può, non funziona, non è possibile ed è un tentativo che nel 99,99% dei casi peggiorerà il risultato finale dell'investimento
  • I mercati azionari sono molto volatili, ma più l'orizzonte temporale d'investimento è lungo e più alta è la probabilità di ottenere un rendimento finale positivo
  • Ascoltare i notiziari finanziari quotidianamente e verificare il valore dell'investimento tutti i giorni (o quasi) è una pratica non soltanto inutile ma molto spesso controproducente. Se proprio vi interessa, esistono dei metodi per essere avvisati automaticamente quando un fondo o il portafoglio nel suo complesso raggiunge determinate soglie di rendimento positive o negative
  • Se si vuole abbassare il rischio si deve bilanciare l'investimento azionario con quello obbligazionario. Non sempre è saggio essere pesantemente investiti sui mercati azionari. La parte obbligazionaria del portafoglio non serve però ad aumentare il rendimento, ma a mitigare la volatilità del portafoglio
  • I guru e gli esperti che vi vogliono convincere di avere la ricetta magica per farvi guadagnare molto, in fretta e magari con poco rischio vi stanno mentendo. Vi stanno raccontando balle. Lasciateli perdere: non affidategli i vostri soldi e stategli alla larga
  • Le crisi finanziarie ci sono sempre state e ci saranno anche in futuro. Basta esserne consapevoli e farsi trovare psicologicamente pronti. Dopo ogni crisi ci sarà una ripresa: potrà essere più o meno rapida ma ci sarà. È per questo che disinvestire in preda al panico durante una crisi è assolutamente controproducente: si perderà la risalita successiva o gran parte di essa

Non lasciatevi ingannare dalla volatilità dei mercati azionari. È vero che i mercati più volatili sono i più rischiosi, ma soltanto se l'orizzonte temporale non è lungo abbastanza.

BASIC

Gratuito

0 00
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: con limitazioni
  • Portafogli Modello: nessuno
  • Portafogli Personali: 1
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: presente
  • -
-70%

PRO MENSILE

€ 49,90 Mese

14 99 Mese
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente
-70%

PRO ANNUALE

€ 490,00 Anno

149 90 Anno
  • IVA inclusa
  • Ebook: inclusi
  • Analisi e backtest: senza limitazioni
  • Portafogli Modello: 52
  • Portafogli Personali: illimitati
  • Serie storiche: sì
  • CAPTCHA: assente

Disclaimer

Tutti i tipi di investimento sono rischiosi. Il livello di rischio può essere più o meno alto e i rendimenti possono variare al rialzo o al ribasso. Ogni investimento è soggetto al rischio di perdita.
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.